Roma Antica Castel Sant’Angelo o Mausoleo di Adriano Ponte Sant'Angelo

È il “pons Aelius” fatto costruire dall’imperatore Adriano per collegare il suo mausoleo alla riva sinistra del Tevere; della struttura imperiale (133-134) restano solo le tre arcate centrali. Clemente VII fece installare nel 1534, sulla riva sinistra del Tevere di fronte al mausoleo di Adriano, le statue di San Pietro (del Lorenzetto) e di San Paolo (di Paolo Taccone); nel 1668 vi furono aggiunte due arcate alle estremità del ponte, (poi ricostruite e ingrandite per il raccordo con i muraglioni del lungotevere, 1892-94). Su disposizione di Papa Clemente IX, Giulio Rospigliosi (1600–1669) fece collocare da Gian Lorenzo Bernini dieci angeli in marmo, da allora anche il ponte venne chiamato Sant'Angelo. Con la sua idea geniale Gian Lorenzo Bernini trasformò il ponte in uno dei più scenografici complessi del barocco romano,  grazie alla parata dei dieci  angeli con i simboli della Passione; le statue furono scolpite da allievi e seguaci di Bernini che ne fornì i bozzetti e ne diresse l'esecuzione:, Gian Lorenzo Bernini  volle scolpirne due di propria mano e ora sono esposte nella chiesa in Sant’Andrea delle Fratte, la prima è l'angelo con la corona di spine, ( la copia sul ponte è Pietro Paolo Naldini) la seconda è l'angelo con cartiglio (la copia sul ponte è di Giulio Cartari).

1 San Pietro (Lorenzo Guglielmo detto il Lorenzetto; 7 San Paolo è di Paolo Taccone;
2 l'angelo con il flagello, è di Lazzaro Morelli; 8 l'angelo con la colonna è di Ercole Antonio Raggi
3 l'angelo con la corona di spine, è una copia di P. P. Naldini 9 l'angelo con i chiodi è di Girolamo Lucenti;
4 l'angelo con la veste e i dadi è di Pietro Paolo Naldini; 10 l'angelo con la croce è di Ercole Ferrata,
5 l'angelo con cartiglio è una copia è di Giulio Cartari; 11 l'angelo con Volto Santo é di Cosimo Fancelli;
6 l'angelo con lancia è di Domenico Guidi; 12 l'angelo con la spugna è di Antonio Giorgetti

Torna al Menù del Castel Sant’Angelo o Mausoleo di Adriano